Enrico Caccivio aus Varese eingewandert

La famiglia Caccivio proviene originariamente dall’Italia, precisamente da Saltrio presso Varese. A cavallo del secolo (ca. 1898) il bisnonno dell'attuale proprietario, Enrico Caccivio (1879 - 1950), era emigrato in svizzera come scalpellino. Lavorò nella cava di calcare a Péry–Reuchenette (Ciment Vigier, fondata nel 1890) e visse a St. Imier. Sposò una donna di Giura (Marie Caccivio–Donzé) di Tramelan ed ebbe 3 figli, 1 femmina e 2 maschi: Lucie, Marius e Henri.

Lo studio di scultura in pietra Caccivio fu fondato nel 1951 da Henri (1907-1988) e da suo figlio André Caccivio (* 1935) a Täuffelen. Di seguito è riportato un estratto della relazione di André Caccivio in occasione del viaggio aziendale di giubileo in aprile 2011 alle note cave di pietra ad Andeer nei Grigioni:

«Intorno al 1950 vivevo con i miei genitori a Givisiez presso Fribourg. Mio padre Henri Caccivio era caposquadra in una grande attività di lapidi. Certamente esistono ancora oggi delle statue di marmo di Carrara di lui. A 16 anni anch’io volli imparare questa meravigliosa professione, ma nella regione non vi era la possibilità di trovare un apprendistato. Così nacque l'idea di istituire una propria attività; quindi il padre con il figlio come apprendista! Mia madre, Margrit Caccivio-Schwab era della terra dei laghi, di Siselen e forse anche lei aveva cambiato direzione dirigendosi verso Täuffelen?

Con l'aiuto finanziario di un amico di St. Imier, il luogo dove mio padre Henri crebbe con i suoi genitori italiani, fu inaugurata l’azienda il 1° marzo 1951. L’officina era in un garage preso in affitto nel villaggio inferiore di Täuffelen, accanto all'ex ristorante Rössli. Senza acqua corrente o riscaldamento, senza martelli elettrici o utensili pneumatici, senza telefono, senza auto...

Henri Caccivio ca. 1948

Henri Caccivio, 1948

Henri Caccivio era uno scultore eccezionale, ma il mondo degli affari, per es. i lavori di ufficio, la vendita e gli acquisti, non erano il suo mondo. Inoltre, egli parlava «solo» francese e italiano, tuttavia è noto che Täuffelen si trova nella parte tedesca del Cantone di Berna. La situazione quindi era sulle mie spalle, all'età di 15 andai per il prima volta a visitare i clienti. Riuscii il primo anno a vendere cinque (!) lapidi. La vendita era molto difficile all'inizio, la concorrenza era potentissima. In bicicletta, io e mio padre a quel tempo visitavamo potenziali clienti nella terra dei laghi - al ritorno eravamo a volte felici, altre volte depressi. Una spinta finanziaria in questo periodo fu tra l’altro la produzione di gnomi da giardino, in gesso e meravigliosamente pitturati!

L’installazione delle lapidi e il ritiro del materiale grezzo (alla stazione BTI di Täuffelen) avveniva nei primi anni in collaborazione con Paul Droz e la sua carrozza con il cavallo. Dopo venne il tempo dell’«Opel Bedford» di Otti Weber e sua moglie, assieme al forte sostegno di mio zio Gottfried Schwab. L'azienda Laubscher Décolletage ci sostenne con l’accatastatore.

La partecipazione attiva alla società musicale Täuffelen ci ha portato molte buone relazioni e amicizie. Quando ebbi 18 anni, si concluse la faticosa vendita in bicicletta. Nel 1953, presi la patente di guida e l’acquisto del primo scarabeo Volkswagen divenne una realtà!

Atelier Caccivio in den 70er JahrenLo studio divenne sempre più noto in tutta la terra dei laghi, c’era sempre più lavoro e così anche sempre più gioia. Il pensiero di costruire un proprio studio divenne sempre più forte. Questo desiderio fu realizzato nel 1953 nella Baumgartenstrasse 18 a Täuffelen, fino ad oggi l’indirizzo aziendale e di produzione dello studio Caccivio. Nel 1970 avvenne il trasferimento dell’impresa da Henri a me. Mia moglie, Marianne Caccivio-Baumann, è stata per decenni un grande sostegno per l’azienda, essendo in questo periodo responsabile della segreteria, e della contabilità.

Nel 1985 è entrata la 3a generazione nell’azienda, nostro figlio, Michel. Al continuo sviluppo nei diversi settori è stato attribuito una grande importanza in tutti questi anni. I compressori d'aria potente, gli elettroutensili professionali, e un sistema informatico, ecc., erano necessari per affermarci in un ambiente economico in costante evoluzione.

1973 mit Mitarbeiter Pietro Barbieri und Jean Pierre Gottraux

Nel 1996 è avvenuto il trasferimento dell’impresa a nostro figlio Michel, che poteva ancora contare su un team collaudato. Dei dipendenti pluriennali mantennero la loro lealtà all'azienda, nuovi dipendenti si sono integrati molto bene nello studio Caccivio odierno e noi genitori siamo ancora oggi quasi ogni giorno in negozio!»

Team 1973